Željava Air Base di Josip Broz Tito Croazia

Željava Air Base di Josip Broz Tito Croazia

4 Views
Published
Video 05/10
La base aerea di Željava, situata al confine tra Croazia e Bosnia ed Erzegovina sotto il monte Plješevica, vicino alla città di Bihać, in Bosnia, era il più grande aeroporto sotterraneo e base aerea militare nell'ex Jugoslavia e uno dei più grandi d'Europa. Le strutture sono condivise dai governi locali di Bihać e della Contea di Lika-Senj in Croazia.Storia
La costruzione della base aerea di Željava o Bihać (nome in codice "Objekat 505") è stata ispirata dagli appendini montani utilizzati dall'ala svedese dell'aviazione di Göta (F 9), iniziata nel 1948 e completata nel 1968. Durante questi due decenni, SFRJ (Repubblica socialista federativa di Jugoslavia) ha speso circa 6 miliardi di dollari per la sua costruzione, tre volte l'attuale bilancio militare annuale combinato di Serbia e Croazia. Era uno dei più grandi e costosi progetti di costruzione militare in Europa.Descrizione
Il ruolo della struttura era quello di stabilire, integrare e coordinare una rete radar di allarme precoce a livello nazionale in SFRJ simile al NORAD. Il complesso è stato progettato e costruito per sostenere un colpo diretto da una bomba nucleare da 20 kiloton, equivalente a quella sganciata su Nagasaki.Il vantaggio principale della base era la posizione strategica del suo radar di intercettazione e sorveglianza "Celopek" sul monte Pljesevica, al centro nevralgico di un'avanzata rete integrata di difesa aerea che copre lo spazio aereo e il territorio della Jugoslavia, e forse anche oltre. Oltre ai suoi ruoli principali come installazione radar protetta, centro di controllo e impianto di comunicazioni sicure, la base aerea conteneva tunnel sotterranei che ospitavano due squadroni di caccia completi, uno squadrone di ricognizione e strutture di manutenzione associate. Le unità basate erano 124.LAE (Fighter Aviation Squadron) e 125.LAE, entrambe equipaggiate con aerei da combattimento MiG-21bis, e il 352.IAE (Reconnaissance Aviation Squadron), equipaggiato con aerei da caccia da ricognizione MiG-21R.

I tunnel sotterranei percorrevano una lunghezza totale di 3,5 chilometri e il bunker aveva quattro ingressi protetti da porte pressurizzate da 100 tonnellate, tre delle quali erano personalizzate per l'uso con aeromobili ad ala fissa. Alla fine, si sperava che la base venisse nuovamente equipaggiata con il velivolo Yu Supersonik originariamente sviluppato.La struttura sotterranea era fiancheggiata da scudi semicircolari in cemento, disposti ogni dieci metri, per attutire l'impatto delle munizioni in arrivo. Il complesso comprendeva una fonte di acqua sotterranea, generatori di energia, alloggi per l'equipaggio e altre strutture militari strategiche. Ospitava anche una mensa che poteva sfamare 1.000 persone contemporaneamente, con abbastanza cibo, carburante e armi per durare 30 giorni senza rifornimento. Il rifornimento di carburante è stato fornito da una rete di condotte sotterranee di 20 chilometri che proveniva da un deposito militare sulla collina di Pokoj vicino a Fuori terra, la struttura aveva cinque piste di atterraggio e nelle immediate vicinanze della base c'erano numerosi radar a tracciamento mobile e radar mirati; missili terra-aria equipaggiati con; 2K12 "Kub" (NATO: SA-6) sistemi intercettori missilistici terra-aria mobili, basi di fanteria motorizzate, due velivoli Quick Reaction Alert pronti per il decollo da un momento all'altro, stazioni di polizia militare e un capanno da caccia usati da civili e leader militari in viaggi occasionali di piacere.

Gli access point sono stati pesantemente monitorati e le guardie sono state autorizzate a sparare su chiunque tentasse di entrare senza autorizzazione. In pratica, tuttavia, erano richiesti solo permessi speciali e i visitatori non autorizzati di solito si allontanavano.La base aerea fu usata intensamente nel 1991, durante le guerre jugoslave. Durante il suo ritiro, l'esercito popolare jugoslavo distrusse la pista riempiendo gli spazi pre-costruiti (espressamente progettati per lo scopo) con esplosivi e facendoli esplodere. Per impedire ogni ulteriore utilizzo del complesso da parte di forze opposte, i militari della Krajina serba hanno completato la distruzione nel 1992, attivando altre 56 tonnellate di esplosivi. L'esplosione che ne seguì fu così potente da scuotere la vicina città di Bihać. Gli abitanti del villaggio hanno affermato che il fumo ha continuato a salire dalle gallerie per sei mesi dopo l'esplosione.
Leggenda urbana,edifici abbandonati,lasciati a se stessi,le indagini sono condotte senza asportare,imbrattare,provocare danni. Urban legend, abandoned buildings, left to themselves, the surveys are conducted without remove, deface, damage.
Sign in or sign up to post comments.
Be the first to comment