Urbex Ristorante Michelangelo Da Vinci

Urbex Ristorante Michelangelo Da Vinci

86 Views
Published
In provincia di Rovigo. In questo piccolo borgo del Veneto si trova un ristorante davvero particolare, ribattezzato, oggi, il luogo abbandonato più suggestivo del mondo. La rete sta letteralmente impazzendo per questo locale, il Ristorante Michelangelo Da Vinci, noto anche come “Gli aerei”, aperto nel 2000 e chiuso nel 2014. La peculiarità sta nel fatto che sala e cucina si trovano, appunto, all’interno di due aerei, un Douglas DC-6 e un Tupolev TU-145.

La storia del Michelangelo Da Vinci
Già negli anni ’90, i velivoli protagonisti del Ristorante Michelangelo Da Vinci erano balzati agli oneri della cronaca quando un mastro birraio di Costa Rovigo aveva tentato di riprodurre un gigantesco aeroporto con piscina e discoteca. Qualche anno più tardi, i due aerei diventano le sale di un ristorante, collegati tra loro da una torre di controllo. Era il 2000, anno dell’apertura de “Gli aerei”. Il successo è stato immediato, ma, complice la crisi, gli alti costi di gestione e una multa per abusi edilizi, la chiusura nel 2014 è stata inevitabile.
In ogni angolo di questo posto si celano opere d’arte. Oltre agli aeroplani, che catalizzavano l’attenzione di clienti e semplici curiosi, si trovava un ambiente fantastico circondato da affreschi e statue, ancora visibili tra le sterpaglie che circondano la proprietà.
La chiusura
Dal 2014 il ristorante non ha mai più aperto i battenti. Il Michelangelo Da Vinci è uno dei luoghi abbandonati più suggestivi da visitare in Italia. Dal giorno della chiusura, il titolare, mastro birraio, ha iniziato a svolgere un’altra attività senza abbandonare la propria passione per la birra.

Leggenda urbana,edifici abbandonati,lasciati a se stessi,le indagini sono condotte senza asportare,imbrattare,provocare danni. Urban legend, abandoned buildings, left to themselves, the surveys are conducted without remove, deface, damage.
Category
PARANORMAL VIDEOS FROM OTHER COUNTRIES
Sign in or sign up to post comments.
Be the first to comment